Home Page » Sul Territorio » Archivio Notizie Caritas Diocesane » 2020 » Agosto » Caritas Potenza - Muro Lucano - Marsico Nuovo 
Report (pdf)
Lunedý 3 Agosto 2020
Caritas Potenza - Muro Lucano - Marsico Nuovo   versione testuale
L'emergenza raccontata dai Centri di ascolto. Secondo monitoraggio
    
Dall’inizio dell’emergenza sanitaria le richieste di aiuto giunte alla Caritas diocesana di Potenza - Muro Lucano - Marsico Nuovo sono state 1029. Inoltre, da marzo a oggi, oltre il 60% dei nuclei familiari incontrati è ancora in carico alla rete delle Caritas; di conseguenza, si iniziano a strutturare percorsi di accompagnamento maggiormente definiti, sulla base di bisogni espressi che nella maggior parte dei casi risultano totalmente inediti.

I dati forniti dai 20 Centri di ascolto evidenziano due principali filoni di intervento in relazione ai bisogni: la maggior parte delle famiglie incontrate continua a richiedere un sostegno, esprimendo necessità riferite in particolare alla condizione lavorativa ed economica. Molti di questi nuclei familiari sono, di conseguenza, in un percorso di accompagnamento strutturato, che prevede l’attivazione di diverse tipologie di interventi. Altre famiglie (circa 400 sull’intero territorio diocesano), invece, hanno fruito di aiuti alimentari e sostegno economico, principalmente nella fase del lockdown, abbattendo la richiesta di sostegno a partire dalla fine di maggio.

Ad oggi è impossibile delineare uno specifico trend: l’emergenza ha portato in luce molteplici fragilità, stravolgendo di fatto l’intero assetto sociale e territoriale, che si presenta sempre più parcellizzato.

L’aumento delle richieste di aiuto nello scorso bimestre ha consentito un’analisi più definita dei bisogni maggiormente espressi, che risultano essere molto differenti da quanto mappato nelle prime fasi dell’emergenza.
  • Cala il bisogno alimentare, seppur di poco (ad oggi fruisce di un sostegno circa l’80% delle persone, a marzo era il 100%).
  • Una famiglia su due richiede un sostegno stabile per il pagamento di utenze domestiche (a marzo erano l’85%).
  • L’80% delle persone attualmente in carico manifesta problemi di liquidità, legati soprattutto a spese relative alla propria attività economica (a marzo erano meno del 50%).
  • Il 70% esplicita difficoltà ad orientarsi tra i servizi locali e statali per accedere a bonus e prestazioni di sostegno al reddito.